Politicando - Sito personale di Claudio Pipitone

Vai ai contenuti

Menu principale:

Politicando


Ecco..., nonostante le numerose disillusioni mi riesce talvolta ancora di sperare in un miglioramento della nostra condizione sociale e mi annoto le persone o le situazioni che capita me ne diano motivo.
Ho deciso di raccogliere queste mie annotazioni e di pubblicarle in questa pagina


________________________________________________________________________


  Il risanamento della situazione economica e sociale italiana è possibile qualora siano adottati con urgenza ed in modo prioritario i criteri ed i rimedi proposti da Giampiero Samorì, fondatore del movimento politico M.I.R. (Moderati Italiani in Rivoluzione)
 Infatti la grave situazione economica in cui versa il nostro Paese non si inserisce in una fase di ordinaria ciclicità, ma si colloca all’inizio di una crisi strutturale del capitalismo di relazione e di clientela costruito negli ultimi cinquant’anni, fondato sull’aumento del debito pubblico, sulla rendita di posizione assicurata all’Italia dalla guerra fredda e su modelli di sviluppo superati.
 Il principale ostacolo allo sviluppo è ora rappresentato dall’enorme debito pubblico, che imponendo l’adozione di politiche di rientro e la destinazione di significative risorse al pagamento degli interessi limita, se non esclude, la possibilità per lo Stato di finanziare innovativi progetti di sviluppo.
 Occorre cambiare approccio. Il MIR propone:
  a) di acquisire al patrimonio pubblico in riduzione del debito i 250 miliardi di riserve disponibili, auree e valutarie, detenute dalla Banca d’Italia, previa adozione dei necessari provvedimenti normativi e d’intesa con la Comunità Europea;
  b) di acquisire al patrimonio pubblico in riduzione del debito tutti i patrimoni liquidi, partecipativi e immobiliari delle Fondazioni Bancarie e non, con adozione delle opportune cautele nella gestione ed oculata dismissione delle quote partecipative di Banche;
 c) di alienare una parte di circa 50-100 miliardi di patrimonio pubblico, partecipativo ed immobiliare, prevedendo con legge speciale la possibilità di immediato utilizzo dei beni acquistati. È invero impossibile reperire acquirenti obbligandoli a definire poi con i Comuni, le Sovraintendenze, le Regioni, il Ministero, ecc. ecc. l’utilizzo dei beni;
 d) introdurre una ragionevole imposta patrimoniale sugli extra ricchi, in verità assai più di quanti non si creda, cioè a carico di coloro con patrimonio finanziario, mobiliare ed immobiliare netto, complessivamente superiore ad Euro 10.000.000,00.



clicca sulla ricetta per approfondire i rimedi proposti

_______________________________________________________________________

Qui di seguito ho raccolto alcuni filmati di programmi televisivi in cui il Presidente del MIR Giampiero Samorì illustra e dibatte i punti programmatici del programma politico presentato nell'occasione della tornata elettorale del 24/25 febbraio 2013. Buona visione.

______________________________________________________________________________________________________

 
Cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu